I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Quattro bombe pronte a esplodere nell'auto, arrestato

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Cosa ci faceva quel materiale esplosivo in una Smart bianca trovata al porto di Livorno giovedì pomeriggio? Ci sono legami tra il livornese arrestato dalla Guardia di finanza e gruppi organizzati, magari di matrice terroristica o comunque criminale?

Sono domande alle quali le Fiamme Gialle labroniche stanno cercando di dare risposta. Le prime risultanze dicono di no: i quattro ordigni rudimentali non sarebbero ricollegabili né ad ambienti dell' estremismo islamico né a esponenti anarco-insurrezionalisti, secondo quanto riferirisce l'Ansa citando "diverse fonti investigative e lo stesso procuratore di Livorno, Ettore Squillace Greco".

Come anticipato da Il Telegrafo, la Finanza ha trovato il materiale esplosivo a bordo di una Smart al porto. E' stata una pattuglia della sezione operativa Pronto Impiego del Gruppo a scoprirla: stava eseguito un posto di controllo lungo viale Italia, importante direttrice portuale, nei pressi della rotonda di Porta a Mare. Tra i numerosi mezzi controllati, c'era anche la Smart. Patente e libretto, come al solito, per iniziare il controllo. Sul sedile del passeggero, in una busta della spesa, c'erano quattro ordigni esplosivi di fattura artigianale, che potevano essere attivati a distanza con un telecomando. Lo riporta ilrestodelcarlino.it





Guarda anche...