I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Omicidio Scazzi, Cassazione: "Sarah strangolata dalla zia e dalla cugina"

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



La prima sezione penale della Cassazione non ha dubbi: Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo con la madre Cosima Serrano per l'omicidio della cugina Sarah Scazzi, non merita sconti di pena.

È quello che emerge dalle motivazioni della Suprema Corte, contenute in quasi 200 pagine di sentenza, con le quali spiega perché, il 21 febbraio scorso, decise di confermare l'ergastolo per la cugina e la zia della quindicenne Sarah, scomparsa da Avetrana il 26 agosto del 2010 e ritrovata morta circa un mese dopo.

Le motivazioni "Il delitto doveva ascriversi a due persone - scrive la Cassazione- da identificare nelle imputate" e "l'omicidio era stato consumato mediante strangolamento", attraverso una "struttura nastriforme", quale una "cintura".

Sul corpo della vittima, non sono stati rinvenuti "segni di lotta o legati al tentativo di allentamento della cintura stretta al collo, come reazione istintiva al soffocamento che si stava compiendo", scrivono i supremi giudici, ricordando gli esiti di autopsia e perizie, e la "vittima non aveva opposto alcuna resistenza".

LEGGI ANCHE: Insinna vende la barca per 185mila euro e li regala alla Comunità di Sant'Egidio

"Concorso sinergico" Lo strangolamento "non poteva essere quindi opera di un unico soggetto - si legge nella sentenza - ma doveva essere avvenuto per effetto del concorso sinergico di due persone, l'una che aveva posto in essere la specifica azione di soffocamento da dietro alla vittima, e l'altra che le aveva inibito ogni tentativo di difendersi". Le "uniche due persone presenti in casa", rileva la Cassazione, erano proprio Sabrina Misseri e Cosima Serrano. Fonte: Rainews.it

LEGGI ANCHE: Lite tra automobilisti: esperto in arti marziali mette ko 2 aggressori





Guarda anche...