I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



F1, la Ferrari cambia il capo del reparto qualità fornitori: sarà una donna di FCA

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



"Quando è un componente che costa 59 euro che le fa saltare la gara dà veramente fastidio. Il problema è nato e bisogna gestirlo. Dobbiamo rinnovare l'impegno per quanto riguarda la qualità della componentistica che sta arrivando in F.1: è un problema che abbiamo ignorato nel tempo e che non è stato di una certa importanza. Ma adesso, in almeno tre occasioni ha avuto un impatto devastante sulla performance della Scuderia, su cose che tecnicamente hanno un valore relativo. L'aggiusteremo".

LEGGI ANCHE: Riforma elettorale, Napolitano a gamba tesa: "Eliminare il capo della forza politica dal testo"

Si era pronunciato così il presidente della Ferrari Sergio Marchionne, in un'intervista concessa a ieri a Class-Cnbc, su quanto accaduto nel GP del Giappone, 16° round del Mondiale 2017 di F1. Il nuovo problema accusato dalla SF70H di Sebastian Vettel, per via di una candela, non è stato di certo gradito dal n.1 di Maranello che è passato dalla parole ai fatti.

LEGGI ANCHE: Bombardieri Usa in volo sulla Corea del Nord

Secondo alcune indiscrezioni di motorsport.com ci sarebbe stato un cambio sulla plancia di comando del reparto qualità fornitori. Il nome è quello della spagnola Maria Mendoza, responsabile in FCA del reparto Supplier Quality Powertrain. Una donna scelta per riorganizzare gestire il controllo qualità così carente, dunque, con esperienza nello studio dei metalli e delle componenti chimiche e parte del Gruppo Fiat dal 2012. Fonte: Oasport.it





Guarda anche...