Filippo Bonaccorsi al ministero

Un altro fiorentino a Palazzo Chigi, un altro fedelissimo, ex assessore a Firenze con Nardella e fratello della deputata PD Lorenza Bonaccorsi, che gli presentò Renzi una decina di anni fa. Lui è Filippo Bonaccorsi, chiamato da Renzi al Ministero dell’Istruzione. Guadagnerà 100.000 euro.

renzi-italia-viva

Leggiamo nei dettagli:

Da privatizzatore di Ataf a dirigente di Palazzo Chigi, nella cabina di regia che gestisce un miliardo di euro per migliorare le scuole. Filippo Bonaccorsi, a dire la verità, nel frattempo ha pure fatto pure per dieci mesi l’assessore alla mobilità di Palazzo Vecchio, dove però non andava granché d’accordo con il sindaco in pectore Dario Nardella.

Così, da circa due settimane, l’ex presidente di Ataf fa il pendolare tra Firenze e Roma, dove il premier Matteo Renzi lo ha nominato direttore dell’unità di missione per l’edilizia scolastica, con uno stipendio annuo di circa 100 mila euro lordi.
Si tratta di un incarico molto importante, perché il 43enne dovrà gestire il maxi piano voluto dal governo per migliorare le strutture scolastiche italiane, punto sul quale il premier ha annunciato fortissimo impegno per il 2015. Una missione molto delicata, che Renzi ha deciso di affidare ad un altro fedelissimo della squadra fiorentina.

«Pippo» e «Matteo», scherzo del destino, si sono conosciuti oltre dieci anni fa ad una convention di Vedrò, il «pensatoio» trasversale inventato da Enrico Letta. I due, scaltri e veloci di pensiero, si piacquero subito. A fare le presentazioni fu Lorenza Bonaccorsi, oggi deputata Pd e sorella dell’avvocato Filippo.

Fonte corrierefiorentino.corriere.it
Fonte foto Facebook.com