De Magistris vuole un confronto con Il M5S

Camilla Principi
  • Esperta di politica nazionale
  • Laureata in Scienze della Politiche Relazioni Internazionali

L’ex sindaco di Napoli, De Magistris, ha deciso di scendere in campo con Unione Popolare. De Magistris non nega la possibilità di aprire un tavolo di confronto con i 5 Stelle e “sfida” Conte.

221559672-7dc01be7-ed22-426a-9254-b153330582d4

L’ex sindaco di Napoli ha deciso di scendere in campo con Unione Popolare, e si è dichiarato pronto a creare un dialogo, e quindi un polo alternativo, insieme a Unione Popolare. De Magistris sfida Conte e lo invita la dialogo:

Caro Giuseppe, vuoi un reale cambiamento? Bene, lavoriamo a un programma radicale e sociale che parta dal no all’invio di armi, dal salario minimo, dalle misure per le piccole e medie imprese, dal reddito di cittadinanza. Lavoriamo insieme al terzo polo che può arrivare al 15-20%. Conte deve sapere che questa sarebbe una svolta radicale, che per loro sarebbe anche un ritorno alle origini, e che rappresenterebbe l’unica novità politica sulla scheda elettorale. Noi siamo pronti- e aggiunge- certo non eravamo pronti a votare a settembre, ma stiamo già facendo la raccolta delle firme e io mi candiderò sicuramente“.

Intanto conferma di volersi candidare a Napoli, Roma e Cosenza, e fa appello ai partiti tradizionali:

“È un campo aperto fatto da associazioni, movimenti, reti civiche, amministratori, intellettuali, studenti, operai. Intendo parlare a quel mondo che non è rappresentato dai partiti tradizionali. Poi con me ci sono anche movimenti politici, che hanno un ruolo fondamentale in questa fase di raccolta di firme e mobilitazione, come Potere al Popolo e Rifondazione Comunista. Il simbolo sarà Unione Popolare che sottende alla costruzione di un cantiere“.