I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Usa all'Onu: 'La guerra è più vicina, isolare Pyongyang'

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Un clima di grande tensione ha accompagnato la seduta del Consiglio di sicurezza dell'Onu, convocata d'urgenza dopo il test balistico condotto dalla Corea del Nord e il successivo annuncio di Pyongyang che si è proclamata "potenza nucleare". L'ambasciatrice degli Stati Uniti Nikki Haley ha sottolineato che l'azione di Kim Jong-un "avvicina il mondo alla guerra non lo allontana" anche se è un conflitto che gli Usa non cercano. "E se ci sarà una guerra, il regime nordcoreano sarà completamente distrutto", ha aggiunto.

Ai rappresentanti del consiglio di sicurezza, gli Usa chiedono "di rompere tutti i legami con la Corea del Nord" per isolare Kim, fermando le importazioni ed esportazioni ed espellendo tutti i lavoratori nordcoreani dal proprio territorio. A Pechino, in particolare, è stato chiesto di bloccare i rifornimenti petroliferi verso Pyongyang. "La Corea del Nord deve rispettare le risoluzioni del Consiglio di sicurezza Onu e adottare misure per la deescalation", ha detto il vice rappresentante permanente cinese.

Poche ore prima, il presidente Usa Donald Trump - che in un comizio in Missouri ha definito Kim Jong-un un "cagnolino malato" - aveva chiamato il leader cinese Xi Jinping affermando che "la Cina deve usare tutte le leve a sua disposizione per convincere la Corea del Nord a porre fine alle sue provocazioni e a tornare sulla strada della denuclearizzazione" e ribadendo "la determinazione degli Usa nel difendere sé stessi e i propri alleati dalla crescente minaccia rappresentata dal regime di Pyongyang". Come risposta era arrivata rassicurazione che "la denuclearizzazione della penisola è un obiettivo incrollabile di Pechino". Ma nessuna indicazione precisa in merito alla restrizione delle sanzioni. Lo riporta Repubblica.it





Guarda anche...