I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Occhi al cielo, arriva la Superluna

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Occhi puntati al cielo e naso all'insù: il 3 dicembre, dopo un anno di assenza, sarà di nuovo la notte della Superluna, l'unica visibile nel 2017. Il nostro satellite raggiungerà quel giorno la fase di Luna piena, in prossimità del proprio perigeo (ossia la minima distanza dalla Terra, che raggiungerà il 4 dicembre, di 357.495 km, contro una distanza media di poco più di 384.000 km), dunque sarà un po' più vicina, più luminosa e un po' più grande del solito. Il fenomeno sarà ripreso e trasmesso in diretta streaming da Virtual Telescope che lo condividerà in diretta sul suo sito dalle 17.

"La prossima Superluna apparirà circa il 7% più grande e un po' più luminosa della media, ma solo un osservatore esperto potrebbe rendersene conto - afferma Gianluca Masi, astrofisico, responsabile scientifico del Virtual Telescope Project - Infatti, si tratta di variazioni non proprio eclatanti, che tuttavia aggiungono fascino all'evento, preziosa occasione per ammirale il nostro satellite naturale nel contesto del cielo notturno, un paesaggio sempre più trascurato e dimenticato".

Lo spettacolo della Luna piena, ancor più quello della Superluna, è massimo al suo sorgere, ossia al calar del Sole, o al tramonto del nostro satellite, ossia all'alba (la Luna piena brilla in cielo dalla parte opposta rispetto alla nostra stella, sicché essa sorge al tramonto del Sole e tramonta all'alba). "Durante il crepuscolo - dice Masi - la luce solare residua consente di ammirare il paesaggio terrestre mentre la Luna piena si alza o cala sull'orizzonte. Di notte la sua luce è molto intensa, quasi abbagliante, rispetto a quella molto discreta del panorama".

"Al suo sorgere, la Luna si proietta dietro palazzi ed elementi del paesaggio - aggiunge Masi - generando la sensazione che il suo disco sia più grande, ma è solo un'illusione ottica, dovuta appunto alla presenza nel campo visivo di termini di paragone, tratti dall'ambiente". Lo riporta Adnkronos.com





Contenuti sponsorizzati