I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Contro la Corea del Nord l'Onu adotta le sanzioni più dure mai votate. Stop al 90% dell'export

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha approvato all'unanimita' le nuove sanzioni contro la Corea del Nord in risposta all'ultimo test nucleare dello scorso 3 settembre, il sesto e piu' imponente. Grazie anche all'appoggio di Cina e Russia, i 15 membri del Consiglio hanno approvato restrizioni alle forniture di prodotti petroliferi verso Pyongyang e messo al bando le esportazioni di prodotti tessili dalla Corea del Nord. Gli Stati Uniti: "Non siamo al punto di non ritorno". "La corea del nord non ha ancora passato il punto di non ritorno", ha detto l'ambasciatrice americana all'onu, Nikki Haley, dopo l'approvazione del pacchetto.

"E gli usa non cercano la guerra con Pyongyang ma il mondo non accettera' mai una Corea del Nord armata di nucleare". ha spiegato la Haley, "Le sanzioni piu' pesanti mai votate" I Paesi confinanti con Pyongyang, i suoi partner commerciali e l'intera comunita' internazionale "sono uniti contro le sue illegali e pericolose azioni. Abbiamo percorso questa strada gia' in passato... ma oggi e' diverso - ha avvertito ancora la Haley - stiamo rispondendo ad un pericoloso nuovo sviluppo: il teste nucleare dello scorso 3 settembre con una bomba all'idrogeno".

LEGGI ANCHE: Bruno Vespa accetta il taglio dello stipendio: "A me si chiede di più ed io felice di dare"

I precedenti sforzi per portate il regime al tavolo dei negoziati sono falliti, ha spiegato, e oggi il CdS ha cambiato strategia, incidendo sulle fonti di finanziamento del Paese e dunque del programma nucleare. (Rainews.it)





Guarda anche...