I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Addio all'attore Frank Vincent, è morto il 'rivale' di Tony ne 'I Sopranos'

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



L'attore Frank Vincent, noto soprattutto per la sua partecipazione alla serie tv I Sopranos, è morto all'età di 78 anni - secondo i media locali - mentre era sottoposto a un intervento chirurgico resosi necessario dopo un attacco cardiaco subito la settimana scorsa. La notizia è stata diffusa dal sito TMZ.

LEGGI ANCHE: Termovalvole, via a controlli: multe fino a 2500 euro

L'attore aveva interpretato il personaggio del mafioso Phil Leotardo, rivale di Tony Soprano, interpretato da James Gandolfini, in 'The Sopranos'. Gandolfini è stato stroncato da un infarto, a soli 51 anni, il 20 giugno del 2013, mentre si trovava a Roma.

LEGGI ANCHE: Avvistata un'orca nel mar Tirreno, dubbi degli esperti

Vicent, che era nato a North Adams, in Massachusetts, ma era di origini siciliane/napoletane e aveva iniziato a recitare negli anni Settanta ha interpretato spesso il ruolo del mafioso italoamericano ed è stato spesso sul set a fianco dei colleghi Joe Pesci e Robert De Niro, fra i registi che lo hanno diretto anche Martin Scorsese. Grazie ai tratti del suo volto, sia per Scorsere come per Spike Lee, era diventato una sorta di attore-feticcio. Per Scorsese ha lavorato in Toro scatenato, del 1980, Quei bravi ragazzi, del 1990, e Casinò, del 1995, per Lee in Fa' la cosa giusta, del 1989, e Jungle Fever, del 1991. Lo riferisce Repubblica.it





Guarda anche...