I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Pensioni: pronto decreto Ape volontaria, con ritocchi

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



E' pressoché pronto il decreto sull'Anticipo pensionistico (Ape) volontario, con 63 anni e 20 di contributi, pagando una rata sul prestito. Il testo è stato modificato raccogliendo diverse osservazioni del Consiglio di Stato. Tra i suggerimenti c'è il riconoscimento della retroattività della misura, a partire dal 1 maggio per chi ne abbia i requisiti e lo domandi. Su questo il governo è al lavoro per inserire la clausola, ultimo nodo da sciogliere prima di chiudere il provvedimento, che dovrebbe essere firmato a giorni, per diventare operativo a settembre.

LEGGI ANCHE: Paolo Brosio sul suo blog: "Anni fa a Medjugorie la Madonna portò una torta in Paradiso per il suo compleanno"

Con scatto asticella più alta anche per anticipata - Dal 2019, se nulla cambierà, anche la pensione anticipata slitterà di 5 mesi, per effetto dell'adeguamento automatico all'aspettativa di vita. Il requisito passerebbe per gli uomini da 42 anni e 10 mesi a 43 anni 3 mesi, mentre per le donne si porterebbe da 41 anni e 10 mesi a 42 anni e 3 mesi. E' quanto emerge dalle tabelle contenute nel rapporto della Ragioneria generale dello Stato sulle tendenze del sistema pensionistico.

LEGGI ANCHE: Gaffe in diretta, il video porno che si vede durante il tg della Bbc

In termini di spesa previdenziale l'impatto più forte arriva proprio da quella che una volta era chiamata anzianità, mentre pesa meno, 'in soldoni', il rialzo dell'età relativo all'uscita per vecchiaia (come noto aumenterebbe a 67 anni da 66 anni e 7 mesi). Fin qui la situazione a bocce ferme, aspettando che l'Istat renda disponibile il dato definitivo sull'aspettativa di vita tra il 2014 e il 2016. Dato che dovrebbe arrivare a fine ottobre. (ANSA)





Guarda anche...