I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Incidente a Ravarino: muore a 45 anni Denise Cenacchi, dipendente del Comune di Nonantola

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Pur restando 'dietro le quinte' era una delle colonne portanti del Comune di Nonantola. E' morta sulla strada che la portava verso casa, dal suo bambino di sei anni, Denise Cenacchi, residente a Ravarino ed ex segretaria del sindaco di Nonantola e fino a ieri responsabile della segreteria generale dell'Amministrazione.

Dal primo cittadino Federica Nannetti all'ex Pier Paolo Borsari, dai i collaboratori ai componenti della Giunta: tutti si dicono sconvolti per la morte di una collega e amica che non azzardano nel definire speciale e unica.

Leggi anche: Tromba marina nel Brindisino, paura in spiaggia

Erano circa le 14 di ieri pomeriggio e Denise stava percorrendo via Sammartini, all'altezza di Stuffione, per fare ritorno a casa, a circa duecento metri dal luogo dell'impatto.

Per cause ancora in corso di accertamento da parte dei carabinieri, intervenuti sul posto, la 46enne ha perso all'improvviso il controllo del mezzo, forse dopo essere finita con la ruota su un avvallamento.

La sua Panda, infatti, superato il dosso, ha sbandato ed è finita prima contro il palo della luce poi fuori strada, incastrandosi nel fossato adiacente. L'urto è stato devastante e, all'arrivo dei sanitari del 118, per Denise Cenacchi non c'era più nulla da fare. Lo scrive "ilrestodelcarlino.it"

Leggi anche: Yara, Bossetti : "Poteva essere mia figlia, non meritava tanta crudeltà"





Guarda anche...