I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Lavoro, contratti stabili al palo: in 2 anni crolla il tempo indeterminato

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



Aumentano le assunzioni nei primi tre mesi del 2017. Tra gennaio e marzo, quelle del settore privato sono risultate 1.439.000, il 9,6% in più rispetto al primo trimestre 2016. Ma le assunzioni stabili, quelle a tempo indeterminato, sono calate del 7,6%.

La parte del leone infatti l'hanno fatta i contratti di apprendistato (saliti del 29,5%) e i contratti a tempo determinato (in crescita del 16,5%). E' la consueta fotografia dell'Inps nell''Osservatorio sul Precariato' a disegnare la variazione nella composizione del mondo del lavoro.

Sono i settori del commercio, del turismo e della ristorazione a trainare l'aumento delle assunzioni a termine che hanno registrato un +28,3%. Trend di crescita anche nelle costruzioni con il +19,7.

Leggi anche: Grillo: "Sindaci non saranno candidati premier"

Negli stessi settori si osserva inoltre una crescita delle assunzioni in apprendistato (+ 35,8% nel commercio, turismo e ristorazione e +22,1% nelle costruzioni) e una "significativa" crescita dei contratti di somministrazione (+14,4%).

In frenata invece le trasformazioni di contratti da tempo determinato a indeterminato, incluse le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti, che sono risultate 89.000, con una riduzione del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Sotto il profilo della consistenza dei rapporti di lavoro, nei primi tre mesi del 2017, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +322.000, superiore a quello del corrispondente periodo del 2016 (+266.000). Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) dei primi tre mesi del 2017 risulta positivo e pari a +379.000. Tale risultato cumula la crescita tendenziale dei contratti a tempo indeterminato (+22.000), dei contratti di apprendistato (+40.000) e, soprattutto, dei contratti a tempo determinato (+315.000, inclusi i contratti stagionali). Tendenze, queste, dice ancora l'Inps, "in linea con le dinamiche osservate nei mesi precedenti". (FONTE: Adnkronos)

Leggi anche: "Riprendiamoci l'Iva sulle bollette", scatta la petizione

Guarda anche: Tiziano Renzi prende a parolacce il reporter: ''Ma si levi dalle palle.. Mi avete rotto i coglioni, chiaro?''





Guarda anche...