I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Leggi i dettagli OK
TzeTze Politica
TW FB Google+
Caro lettore,
stai utilizzando un sistema per bloccare la pubblicità.
Purtroppo gli annunci pubblicitari sono gli unici che permettono alla redazione di mantenere aggiornato Tzetze con le ultime notizie dalla Rete.

Ti chiediamo di sostenerci disabilitando almeno per questo sito il tuo sistema di blocco e permetterci di continuare ad offrire il servizio.

La Redazione di Tzetze



Stroncato da un infarto l'artista Andrea Salvetti, aveva 49 anni

Pubblicato da Redazione


 Iscriviti alla newsletter



Segui TzeTze:  



È stato trovato morto la mattina di sabato 18 marzo dentro il furgone nel quale aveva passato la notte a Saturnia, in provincia di Grosseto. Sulla stradina che conduce alle "cascatelle" nessuno aveva fatto caso a un grosso furgone bianco parcheggiato come tante altre macchine in fila. Eppure dentro quel mezzo si era consumato una tragedia: un uomo era morto. A trovare senza vita l'artista Andrea Salvetti, 49 anni originario di Massarosa ma da tempo residente in Lucchesia è stata l'amica che si trovava con lui.

La donna, originaria di Milano ha chiamato i carabinieri. I militari, a loro volta, hanno allertato il 118: la chiamata all'ambulanza della Misericordia di Manciano è arrivata intorno alle 9.30. Quando i soccorritori sono arrivati non hanno potuto far altro che constatare il decesso di Salvetti. Il medico del 118 ha avvertito, come da prassi, il medico necroscopo per la ricognizione del cadavere e la constatazione del decesso. È stato avvertito anche il reparto della scientifica dei carabinieri: erano passate alcune ore dalla morte dell'uomo all'allarme lanciato dalla donna che era con lui. Ma non ci sarebbe alcun mistero nella morte dell'uomo: Salvetti sarebbe stato stroncato da un infarto. Soffriva di cuore e si è sentito male durante la notte. Un malore fatale.

Uno choc per l'ambiente dell'arte della Lucchesia, della Versilia e di tutta l'Italia. Ma non solo: anche il mondo della cucina "d'autore" è in lutto, perché l'attività di Salvetti era strettamente intrecciata a quello che avviene dietro i fornelli e nelle sale dei ristoranti. Il suo cammino professionale e creativo, d'altra parte, è stato variegato. Da Bozzano, sua frazione di origine, aveva frequentato il liceo artistico di Lucca e poi la facoltà di architettura a Firenze. (FONTE: iltirreno.it)

Leggi anche: Primarie Pd, il retroscena: Napolitano pronto a sostenere Orlando

Leggi anche: Addio Ncd, Alfano: "Da ora ci chiameremo Alternativa Popolare"

Leggi anche: Paura per Gino Paoli, operato d'urgenza a Modena: «Sta bene»